Come 9 Seconds App allena l’attenzione e combatte la dipendenza da smartphone

Così è venuta fuori 9 Seconds App che aiuterà a staccare dallo smartphone in alcuni momenti della giornata e premierà anche per questo

0
766

9 Seconds App: “Riuscirai ad essere più attento di un pesciolino rosso?”. Pare facile, pare! E invece quattro ragazzi salentini hanno addirittura progettato un’app che allena all’attenzione, combattendo la dipendenza da smartphone. Secondo uno studio condotto da Microsoft, in Canada, l’uso eccessivo e simultaneo di dispositivi elettronici, come smartphone e tablet, ha abbassato la nostra soglia di attenzione ad appena otto secondi, uno in meno rispetto a quella dei pesci rossi, che è di nove secondi.

9 seconds app

9 Seconds App e Contamination Lab

Maturato all’interno del Contamination Lab dell’Università del Salento, il progetto ha bisogno di fondi per essere portato a termine: per questo motivo il 20 marzo è stata lanciata la campagna di crowdfunding. Oltre 700 euro sono stati già raccolti nel giro di una settimana, ma manca ancora tanto per raggiungere l’obiettivo di 5000 euro entro 40 giorni. “È nato tutto da qui, da questa ricerca. Quando abbiamo sentito che ci concentriamo un secondo in meno rispetto ad un pesce rosso abbiamo pensato: dobbiamo fare qualcosa. È ora di cambiare le nostre abitudini, sociali, lavorative e di vita.”, raccontano gli ideatori.

Rinuncia-ricompensa

“E così è venuta fuori 9 Seconds, l’app che aiuterà a staccare dallo smartphone in alcuni momenti della giornata e premierà anche per questo.” Il gioco è basato su un meccanismo di “rinuncia-ricompensa” in grado di premiare i giocatori per il tempo passato senza il proprio cellulare, resistendo alle tentazioni delle notifiche. Il giudice è un timer che assegnerà un punteggio ogni 9 secondi passati lontano dal dispositivo. Sarà possibile accedere alle funzioni del telefono che però diminuiranno il punteggio fino a quel momento cumulato.

Resistere

Tre le modalità di gioco. “Sfida Singola”, che permetterà di lanciare una sfida ad un altro giocatore online e provare a resistere più del suo avversario; “Sfida di gruppo”, nella quale si potrà competere con una lista di amici; e “Sfida in Locale”: qui l’utente potrà accumulare un punteggio non usando il cellulare in un locale commerciale convenzionato con l’app. Grazie ad una mappa geolocalizzata, l’applicazione segnala in tempo reale alcuni locali denominati “Partners”. Si tratta di attività commerciali nelle quali sarà possibile raccogliere punti, azionando il timer, e mettendo semplicemente da parte il cellulare.

Premi e incoraggiamenti

Ogni settimana l’utente che avrà raccolto un punteggio maggiore, dato dalla somma delle tre modalità di gioco, avrà dei premi che saranno offerti dalle aziende convenzionate come pub, ristoranti, pizzerie. Contrasto alla dipendenza da smartphone, aumento della concentrazione, “ma soprattutto incoraggiamento alla socializzazione e all’aggregazione nei locali affiliati limitando le pause non molto socievoli dovuto all’uso dei cellulari in compagnia” sono il fine ultimo di 9 Seconds. Non uno strumento di contrasto nei confronti dello smartphone, ma solo un supporto per combattere il suo abuso nei momenti in cui non è strettamente necessario ed il suo utilizzo diventa quasi superficiale.

Problematiche reali

“Si tratta di problematiche reali, universali, identificate e ormai sotto gli occhi di tutti. L’app vuole superarle con una soluzione innovativa, utile ed efficace: attraverso il gioco per combattere il sistema, dal sistema stesso. – concludono i quattro inventori – Ma per realizzare tutto questo abbiamo bisogno della vostra grande mano. Ognuno di voi è indispensabile, per far diventare realtà il nostro sogno. Confidiamo nel vostro aiuto. Noi ci crediamo e voi?”. Per contribuire al progetto partecipando al crowdfunding clicca qui.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram