Attacchi informatici: le minacce per la sicurezza viaggiano in Rete

Attacchi informatici: uno degli obiettivi dei pirati, oltre ad ottenere vantaggi politici, è scoprire quante più informazioni possibili sul made in Italy

0
252

Le minacce per la sicurezza italiana viaggiano in Rete. E’ quanto emerge dalla relazione annuale dell’intelligence diffusa ieri al Parlamento relativa all’anno 2018. Secondo la Dis, Aisi e Aise, si sono quintuplicati gli attacchi informatici a istituzioni e aziende.

attacchi informatici

Attacchi informatici: hacker attivisti

In particolare, i reati contro la pubblica amministrazione sono stati il 72% dei casi rivolti specialmente alle reti ministeriali e a quelli degli Enti locali. A compiere queste operazioni sono hacker attivisti, spesso schierati politicamente, mentre aumentano anche gli attacchi da parte di hacker di Paesi esteri. Uno degli obiettivi dei pirati informatici, oltre che ottenere vantaggi politici, è quello di scoprire quante più informazioni possibili sul made in Italy, puntando particolarmente alle imprese industriali più famose nel mondo.

138 foreign fighters

Da non trascurare, inoltre, anche la tematica relativa al terrorismo. Sono infatti 138 i foreign fighters del Bel Paese partiti per la Siria e che potrebbero organizzare un attentato. Il rischio, quindi, è ancora alto. Per i servizi segreti, preoccupano più le cellule di Al Qaeda diffuse nel mondo che l’Isis, il quale sta subendo numerose sconfitte contro le truppe occidentali sul campo di battaglia.

Spaccio, internet e social

Infine, attenzione nella relazione è stata riposta anche alle associazioni camorristiche. I clan, soprattutto della Campania, si è specializzata nella ricerca di documenti contraffatti da utilizzare nel business dei migranti. In alcuni casi, come testimoniano anche le inchieste giudiziarie, le cosche utilizzano internet e i social per gestire le piazze di spaccio: i clienti contattano il proprio pusher che poi si organizza per consegnare la sostanza stupefacente. Spesso usano account fake e di difficile identificazione.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram