Ibc 2018: dati e considerazioni sul più grande show sui media

E' stata proprio una donna, Joan Ganz Cooney, co-creatice di Sesame Street a ricevere il premio dell'Ibc 2018 International Honor For Exellence

0
651

Si è svolta nei giorni scorsi l’Ibc 2018, la più grande mostra al mondo per quanto riguarda i media, la tecnologia e l’intrattenimento. La fiera ha avuto grande successo, registrando un aumento notevole dei visitatori, ben 55.884, e un incremento della partecipazione femminile alle conferenze, dal 14% al 37%. E’ stata proprio una donna, Joan Ganz Cooney, co-creatice di Sesame Street a ricevere il premio dell’Ibc 2018 International Honor For Exellence. Questo riconoscimento viene riservato a chi dà uno spiccato contributo allo sviluppo del settore radiotelevisivo.

Joan Ganz Cooney ibc 2018

“Ibc rappresenta il luogo dove poter discutere del futuro dei media, della tecnologia e dell’intrattenimento”: queste la parole del ceo di Ibc Micheal Crimp che ha aggiunto “le statistiche sono aumentate in quasi tutte le aree. Ibc 2018 è molto più di una fiera, abbiamo sviluppato un paniere di statistiche basate sui dati, inclusi i ‘lead’ di vendita generati sugli stand, la presenza alla conferenza e le visualizzazioni Ibc365. Questa condivisione di informazioni è fondamentale per la longevità del successo di Ibc”.

La parola d’ordine è innovazione e la responsabile del settore Ibc Jaisica Lapsiwala ha per l’appunto messo in evidenza come questa edizione di Global Gamechangers sia stata accattivante e molto diversificata grazie alla presenza sul palco di alcuni importanti personaggi come Zahra Rasool di Al Jazeera, Peter Salmon di Endemol e Lindsay Pattison del Wpp.

Ibc all’interno della mostra ha ospitato anche tre forum. Il forum dei leader, che avendo uno sguardo rivolto al futuro, ha riguardato quale potrebbe essere un nuovo ecosistema in seguito al consolidamento, l’acquisizione e la collaborazione. Il forum The Cyber Security ha considerato non solo quali sono i pericoli nel mondo informatico, ma anche come risolverli. La novità del programma di quest’anno è stata il Telco e il Forum sull’innovazione dei media che ha avuto come obiettivo il dibatto su come il confine tra media e comunicazione sia spesso labile.

Ibc è stata la sede del The Big Screen con un focus improntato sugli effetti di Game of Thrones e con Dominic Glynn di Pixar si è discusso dell’animazione Marvel in The Incredibles 2 e di come la tecnologia sia cambiata dall’uscita del primo film 14 anni fa.
Ibc è stata anche la sede di Future Zone, durante la quale sono state presentate idee da parte di corpi accademici e ricercatori. Iabm ha curato il Future Trends Theatre nella Ibc Future Zone che ha ospitato un fitto programma di presentazioni che ha esaminato la tecnologia emergente e le tendenze del business.

Roger Thornton, capo del comitato delle esibizioni Ibc, analizzando i veloci cambiamenti tecnologici che riguardano i media e la necessità di aiutare le aziende a svilupparsi ed essere competitive in questo settore, ha infine affermato che “oggi tutto ruota intorno alla collaborazione per offrire soluzioni che offrano alle aziende di broadcast e media la flessibilità di cui hanno bisogno per andare avanti in questo panorama dei media in rapida trasformazione. Ecco perché, stiamo assistendo a un numero sempre maggiore di aziende che utilizzano presentazioni teatrali di grandi dimensioni sui loro stand e offrono ampie aree di incontro in cui iniziano le conversazioni che hanno dato il via alla collaborazione”.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram