L’Espresso è in crisi: dalle grandi inchieste ai tagli

Il management del gruppo Gedi, editore dell'Espresso, ha comunicato al comitato di redazione la volontà di applicare i provvedimenti

0
2204

Solidarietà e chiusura del sito web: è crisi aperta per L’Espresso, il noto settimanale d’inchiesta del gruppo Gedi. A comunicarlo nelle scorse ore è stato il comitato di redazione del giornale attraverso un post su tutti i profili social della testata.

espresso sito

“Il management del gruppo Gedi, editore dell’Espresso, ha comunicato al comitato di redazione la volontà di applicare a tutta la redazione – si legge nella nota – un contratto di solidarietà che comporterebbe un taglio del 30 per cento degli stipendi dei giornalisti, e alla chiusura di fatto del sito internet del giornale. Un sito che in questi anni ha pubblicato autonomamente decine di scoop e fatto da cassa di risonanza alle notizie esclusive del nostro settimanale”.⠀

Negli ultimi anni L’Espresso è stato protagonista di numerose inchieste giornalistiche internazionali. Una su tutte, nel 2016 quella riguardante i Panama Papers, alla quale hanno lavorato oltre 300 reporter dell’International Consortium of Investigative Journalists (Icij). Per l’Italia l’esclusiva è stata proprio de L’Espresso.

“Nel corso degli ultimi dieci anni la redazione dell’Espresso è stata falcidiata da tagli e prepensionamenti, – continua il comunicato del cdr – tanto da essere stata più che dimezzata nel personale. Il giornale ha subito anche pesanti riduzioni alla foliazione e al budget. Contestualmente l’azienda non ha mai avviato alcun serio piano di rilancio e di investimenti”.

Gedi, come si legge sul sito web del gruppo, “è uno dei principali operatori italiani nel settore dei media. E’ anche “quotato alla Borsa di Milano, è editore di la Repubblica, La Stampa, Il Secolo XIX, 13 testate locali, il settimanale l’Espresso e altri periodici. Fanno parte del Gruppo anche 3 emittenti radiofoniche nazionali (Radio Deejay, Radio Capital, m2o) e alcune reti televisive musicali. Gedi opera, inoltre, nel settore internet e raccoglie la pubblicità, tramite la concessionaria Manzoni, per i propri mezzi e per editori terzi. Presidente è Marco De Benedetti e Amministratore delegato Laura Cioli. Il conto economico 2017 del Gruppo riporta ricavi per 633,7 milioni di euro e un Ebitda di 53,2 milioni di euro”.⠀

“Negli ultimi 63 anni, L’Espresso è stato protagonista – si legge ancora nella nota della redazione del giornale – della storia giornalistica, politica e culturale di questo Paese, permettendo al gruppo e ai suoi azionisti di registrare notevoli profitti. In un momento storico in cui L’Espresso e l’informazione sono sotto attacco, l’assemblea dei giornalisti respinge in maniera categorica e all’unanimità la proposta dell’azienda, e affida al Comitato di redazione un pacchetto di 10 giorni di sciopero e la valutazione dell’uso di altre forme di agitazione e lotta, che verranno eventualmente attuate dopo la presentazione dei dati economici già richiesti dal Cdr e che l’azienda si è impegnata a fornire. L’assemblea dell’Espresso rifiuta tagli indiscriminati al costo del lavoro, che comprometterebbero fin dall’inizio il successo del nuovo piano editoriale presentato oggi dal direttore al comitato di redazione”.⠀

Curiosamente, mentre si pensa di tagliare L’Espresso, pochi giorni fa Gedi ha annunciato la nascita di un nuovo mensile chiamato Live che da novembre verrà allegato a Repubblica, La Stampa, Il Secolo XIX e a tutti gli altri quotidiani del gruppo. “Alimentazione, fitness, stili di vita salutari, abbigliamento, gadget, beauty, medicina dolce e tutto quello che serve a star bene. Su questi temi, Live spiegherà come ci si deve comportare, quali sono le scelte migliori, cosa dicono gli esperti”.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram