Facebook e Datagate, cos’ha detto Mark Zuckerberg al Congresso?

Il colpo di scena è arrivato oggi, alla Camera. "Anche i miei dati sono stati venduti a Cambrige Analytica" ha dichiarato Mark Zuckerberg

0
1136

“Mi dispiace. I dati venduti a Cambridge Analytica sono anche i miei”, a dirlo è Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, che è stato ascoltato ieri e oggi dal Congresso degli Stati Uniti. Il 33enne americano ha provato a difendersi dopo lo scandalo che ha investito la sua società in merito ai dati di milioni di cittadini del mondo venduti a Cambridge Analytica che avrebbe avuto un ruolo determinante anche all’interno delle ultime elezioni presidenziale statunitensi.

mark zuckerberg congresso

“Sono io l’unico responsabile e sono io a prendermi le colpe. Facebook va migliorato e già sappiamo dove. Non ci saranno licenziamenti perché era una falla nel nostro sistema”, ha spiegato Zuckerberg nella giornata di ieri davanti al Senato. Al Congresso ha anche spiegato che “Facebook non diventerà mai a pagamento e che si basa solamente sulle pubblicità che vengono normalmente inserite. Imporre dei limiti bloccherebbe la crescita”.





I senatori, infatti, per prevenire simili fenomeni in futuro, avevano chiesto al fondatore del social network di limitare la raccolta dei dati, cosa che al momento non può essere garantita. Ma il colpo di scena è arrivato quest’oggi, alla Camera. “Anche i miei dati sono stati venduti a Cambrige Analytica” ha dichiarato. Zuckerberg, quindi, è finito nel vortice così come gli altri milioni di utenti sparsi per il mondo. A chiara domanda della deputata Anna Eshoo, il fondatore di Facebook non si è tirato indietro. Anzi.

“Siamo già a lavoro per rimediare i danni e rispettare le regole imposte dagli Stati”. Il più famoso social network al mondo, dopo la pubblicazione in Europa del nuovo regolamento sul trattamento dei dati personali via internet, sarà costretto ad apportare delle necessarie modifiche. Modifiche che forse saranno applicate a tutti gli utenti del mondo.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram