Le auto e le moto della camorra / Radio mala: i codici della malavita

Addirittura il modo di sostare auto e moto in particolari punti del territorio segnerebbe il controllo criminale dello stesso perimetro

0
248

Le auto e le moto della camorra. Come comunica la criminalità? Radio mala: i codici della malavita indaga sui linguaggi, sui gesti, sui comportamenti di un mondo oscuro che, tramite apposite forme di comunicazione, ha sempre saputo imporre il proprio potere. I codici di mafia, camorra, ‘ndrangheta ed altre organizzazioni criminali analizzati da Alfonso Maria Liguori per Effequadro.

auto moto camorra

Moto e auto costituiscono una forma di linguaggio visivo nel cinico e contorto mondo della camorra. La tipologia del mezzo di locomozione distingue il rango e il ruolo del camorrista: si parte dagli scooter di media cilindrata, particolarmente in uso tra le vedette delle piazze di spaccio e i pusher, per passare alle moto di grossa cilindrata in uso ai boss e ai parenti prossimi degli stessi.

Ad ogni tipologia di mezzo è legato poi un certo modo di vestire che identifica ulteriormente il soggetto. Tute firmate e scarpe da ginnastica griffate per gli affiliati minori, abbigliamento elegante-sportivo per i capi che su roboanti mezzi a due ruote o a bordo di potenti auto di lusso rimarcano uno status all’interno del proprio territorio di appartenenza. Perfino il modo di guidare caratterizza il malavitoso che non si scompone nemmeno in caso di controlli da parte delle forze dell’ordine.

Sempre calmo e sorridente il boss è pronto a consegnare il mezzo di trasporto, magari sottoposto a sequestro per violazioni del codice della strada, senza problemi agli agenti commentando sovente con sufficienza: “Prendetelo pure tanto non stiamo a piedi”, espressione che sta ad indicare il possesso di numerosi auto e motoveicoli da parte del soggetto fermato, particolare che rafforza il livello malavitoso dello stesso.

auto  da parte del proprietario. Un segnale forte per chi volesse “sconfinare” pur essendo bene a conoscenza del carisma criminale e del rango camorristico dello stesso. Per un motorino o una piccola automobile sportiva giovanissimi vendono la propria esistenza al sistema, nell’assurda convinzione di comunicare timore e rispetto ai coetanei e alla gente del quartiere. Linguaggi perversi e cinici frutto della deviazione mentale di persone senza scrupoli che venerano un solo dio, il denaro.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram