Coronavirus e giornalismo, Rsf lancia Osservatorio 19

Emergenza coronavirus, Reporter Senza Frontiere ha inaugurato il nuovo progetto sul giornalismo: "Analisi e documenti per chi copre la pandemia"

0
260

Emergenza coronavirus e giornalismo: Reporter Senza Frontiere (Rsf) sta lanciando Osservatorio 19. Si tratta di uno strumento di monitoraggio volto a valutare l’impatto della pandemia sul giornalismo e a fornire raccomandazioni per promuovere il diritto all’informazione.

coronavirus giornalismo rsf osservatorio 19

Rsf lancia Observatory 19

L’organizzazione per la libertà di stampa Reporter senza frontiere (Rsf) sta lanciando uno strumento di monitoraggio per una crisi globale senza precedenti, Osservatorio 19. Il riferimento è alla malattia Covid-19, ma anche all’articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti umani. Documenta la censura dello stato, la disinformazione deliberata e i loro effetti sul diritto a informazioni affidabili. Si sforza di fornire raccomandazioni per promuovere la pratica del giornalismo.

Il giornalismo nel mezzo di crisi globali

La filosofa Hannah Arendt scrisse nel 1957: “Per la prima volta nella storia universale, tutti i popoli della Terra hanno un presente comune”. Con l’epidemia globale da Covid-19, il “presente comune” dell’umanità prende una svolta ancora più ovvia. Come ha sostenuto a lungo Reporter senza frontiere (Rsf), l’umanità non può affrontare nessuna delle grandi sfide globali senza giornalismo: riscaldamento globale, perdita di biodiversità, discriminazione nei confronti delle donne, corruzione, ecc.

La censura non è una questione interna

“La crisi del Coronavirus fornisce prove inconfutabili della rilevanza della nostra lotta”, ha spiegato Christophe Deloire, segretario generale di Reporter senza frontiere (Rsf). La censura non può essere considerata come un affare interno di Paese in Paese. Il controllo delle informazioni in un determinato stato ha conseguenze in tutto il pianeta e ora ne stiamo subendo gli effetti. Lo stesso vale per la disinformazione. Conducono le persone a prendere decisioni sbagliate, limitare il loro libero arbitrio, distruggere la loro intelligenza.

Il costo umano della censura

“Cina e Iran, sono Paesi in cui i media non sono stati in grado di adempiere alla loro funzione di informazione dei cittadini. – ha aggiunto Christophe Deloire – È urgentemente necessario fornire un resoconto completo e onesto degli ostacoli alla libertà di stampa e dei tentativi di manipolazione delle informazioni nel contesto di questa epidemia senza precedenti. Ed è importante evidenziare le soluzioni che consentiranno ai giornalisti di fornire informazioni affidabili e contrastare le voci di domani”.

Uno strumento di riferimento

I team di Rsf sono mobilitati in tutto il pianeta. Sono state prese misure per garantire che le attività delle ong siano mantenute il più possibile garantendo la sicurezza del suo personale e dei suoi partner. I dati raccolti provengono dalla rete di uffici e corrispondenti. L’Osservatorio 19 presenta una mappa mondiale interattiva sulla situazione della libertà di stampa, un feed di notizie quotidiano e informazioni pratiche. Vengono proposte analisi sulle questioni essenziali. E’ dedicato ai giornalisti che coprono la pandemia. “Vorrei salutare il lavoro dei giornalisti di tutto il mondo che si assumono rischi e si espongono al virus per informare. – ha aggiunto Christophe Deloire – Svolgono una funzione sociale essenziale. Questo osservatorio è dedicato a questi ‘storici del presente’, del nostro presente comune”.