Vandalizzata la lapide di Giancarlo Siani. O forse no? Decisamente no.

L’articolo, rigorosamente senza firma, parla di un raid di alcuni sconosciuti che avrebbero ricoperto di graffi la lapide con il volto di Giancarlo Siani

0
1109

Vandalizzata la lapide di Giancarlo Siani. O forse no? Decisamente no. Verificare la fonte dovrebbe essere un imperativo per ogni giornalista. Allo stesso tempo, un quotidiano di Napoli, dovrebbe quantomeno controllare gli articoli che ogni singolo collaboratore invia quotidianamente. Perché, se tutto ciò non dovesse accadere, il rischio di scivolare su un buccia di banana è alto.

giancarlo siani lapide

E’ quello che è successo oggi, in Campania, quando in edicola i lettori hanno trovato, su un quotidiano, un pezzo che raccontava di un atto vandalico alla neo piazza Giancarlo Siani nella cittadina di Vico Equense. L’articolo, rigorosamente senza firma, parla di un raid di alcuni sconosciuti che avrebbero ricoperto di graffi la lapide con il volto del giornalista ucciso dalla camorra 33 anni fa. Particolarmente i vandali si sarebbero soffermati sulla bocca.

articolo lapide giancarlo sianiPeccato, però, che nessun atto vandalico è stato realizzato nel Comune costiero. La scultura di Siani, infatti, è stata volutamente realizzata in questo modo ed ha anche un altissimo significato morale.

I graffi sulla bocca evidenziano il silenzio eterno che la camorra ha imposto al cronista partenopeo che, a causa dei suoi articoli contro i clan oplontini, ha perso la vita.

Non è neanche la prima volta che il volto di Siani viene raffigurato in questo modo: nel 2009, il film-biografia Fortapàsc, aveva la stessa immagine usata poi come locandina. Peccato però che i giornalisti del quotidiano partenopeo non abbiano capito il significato del monumento inaugurato solamente pochi giorni fa alla presenza anche del presidente della Camera Roberto Fico.

locandina fortapàsc

Ed ecco che, in pochissimo tempo, la foto diventa virale e la redazione finisce al centro delle critiche sul web. E’ questo forse il giornalismo di oggi? Cercare di creare un caso anche dove quel caso non esiste? Oppure si tratta di un giornalismo basato sui pettegolezzi e sulla mancata verifica della fonte? Non è possibile rispondere. Ciò che è certo è che il lettore merita un tipo diverso di informazione, ovviamente non basata sulla supposizione o sulla chiacchiericcio.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram