Chi ha ucciso Ilaria Alpi e Miran Hrovatin? “Gli italiani”

Il 17 aprile il gip di Roma stava per decidere sull’archiviazione del caso di Ilaria Alpi, quando la Procura ha presentato nuovi atti, ma con cinque anni di ritardo

0
1141

Caso Ilaria Alpi. “L’hanno uccisa gli italiani”. È la frase che potrebbe dare una svolta alle indagini per l’omicidio della giornalista Ilaria Alpi e di Miran Hrovatin, uccisi il 20 marzo 1994 in un agguato a Mogadiscio, in Somalia. Il 17 aprile il gip di Roma stava per decidere sull’archiviazione del caso, quando la Procura ha presentato nuovi atti, ma con cinque anni di ritardo. Risale al 2012 l’informativa della guardia di finanza di Firenze contente le intercettazioni di tre somali. Due di loro sono accusati di far parte di un’organizzazione che gestisce immigrati irregolari. Attraverso il sistema fiduciario Hawala, secondo la Dda fiorentina, controllano flussi finanziari delle comunità del Corno d’Africa.

ilaria alpi

Il terzo è Douglas Duale, uno dei tre difensori di Hashi Omar Hassan, ingiustamente condannato nel 2002 come componente del gruppo che uccise la giornalista Rai e l’operatore. Hassan, in seguito al processo di revisione conclusosi nel 2017, è stato dichiarato dal giudice di Perugia un capro espiatorio vittima di un’ampia operazione di depistaggio. Nelle conversazioni uno dei tre afferma che Ilaria Alpi “è stata uccisa da militari italiani”. Ma non ci sono ancora riscontri. La rivelazione si deve alla trasmissione Chi l’ha visto? e al lavoro di Chiara Cazzaniga.

Negli anni, sono stati tanti i depistaggi delle indagini sull’omicidio di Alpi e Hrovatin. I due indagavano su un possibile traffico di armi e di rifiuti tossici che avrebbe visto, tra l’altro, la complicità dei servizi segreti italiani e di alte istituzioni italiane. Nebbiosa anche la tempistica della giustizia. L’informativa risulta inviata per competenza alla Procura romana dalla Dda di Firenze alle fine del dicembre 2012, ma il fascicolo è stato ricevuto solo nel gennaio 2018. L’udienza per decidere sull’archiviazione è stata fissata per il prossimo 8 giugno.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram