La petizione ha effetto: Federica Angeli torna sul murales di Ostia

«Uno schiaffo alla Ponzio Di Pillo Pilato del 5S che aveva bloccato tutto. E uno a #Spadapound. Vinciamo Noi. Non le ingiustizie» ha commentato la giornalista

0
125

Ha avuto effetto la petizione online lanciata dai sostenitori di Federica Angeli dopo la decisione di cancellarla dal murales dedicato alle personalità di spicco di Ostia (Roma). Oltre 37mila persone hanno lasciato la propria firma per convincere il Municipio X a ripristinare il graffito. Missione compiuta: dopo qualche giorno di attesa è arrivata la notizia tanta attesa. La Regione Lazio finanzierà il restauro del graffito che fra gli altri vedrà anche il volto della giornalista di Repubblica da anni sotto scorta per le inchieste contro il clan Spada.

angeli

La polemica era scoppiata poche settimane fa quando il Municipio X decise di rimuovere la Angeli dal murales appena realizzato. Il motivo? I vertici del Municipio ritenevano la giornalista di Repubblica, presente insieme ad altri nove personaggi emblematici di Ostia, un personaggio divisivo. La segnalazione era arrivata da Casapound (da sempre in lotta con la Angeli per le sue denunce contro gli Spada) ed era stata accolta dalla politica locale. Ed è per questo motivo che partì una petizione online con la quale i promotori hanno poi ottenuto il risultato desiderato: far ripristinare il murales.

La felicità della Angeli

«I 37723 sostenitori di questa petizione possono essere fieri di loro. Sarà ripristinato entro la fine del mese il murale della legalità. Il consigliere comunale dem Giovanni Zannola raccogliendo la vostra battaglia e quella dell’associazione antimafia Noi ha girato la richiesta alla Regione Lazio che ha stanziato soldi e permessi per ripristinare l’opera originale.
Uno schiaffo alla Ponzio Di Pillo Pilato del 5S che aveva bloccato tutto. E uno a #Spadapound. Vinciamo Noi. Non le ingiustizie. Grazie a tutti, davvero.
E naturalmente a Debora Attanasio, promotrice della petizione» ha commentato la giornalista di Repubblica.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram