Buongiorno 15 aprile – Buongiorno così così – Siria

Buongiorno 15 aprile. Buongiorno così così: le notizie per cominciare la giornata secondo Effequadro. L'attacco in Siria, il bilancio, le reazioni ed altro, in pillole

1
1571

Buongiorno 15 aprile 2018: buongiorno così così da Effequadro! Ecco le principali notizie, in pillole, scelte da noi per cominciare la giornata. All’interno dei testi troverai i link per gli approfondimenti. Non dimenticare di lasciarci un commento, di condividere le notizie di oggi, domenica 15 aprile, e di seguire QUI la nostra pagina per restare sempre aggiornato.

buongiorno 15 aprile

Buongiorno 15 aprile – Buongiorno così così

Siria

La Siria e la Russia

Secondo il ministero russo della Difesa Usa, Francia e Regno Unito hanno attaccato la Siria con oltre 100 missili da crociera e aria-terra. Nel mirino c’erano obiettivi militari e civili, ma “un numero considerevole dei missili è stato intercettato e abbattuto dai sistemi di difesa siriani”. Sull’attacco in Siria è intervenuto anche il presidente Vladimir Putin (la Russia è allata della Siria nella guerra interna) che ha parlato di “un atto di aggressione contro un Paese che sta combattendo il terrorismo sul suo territorio”. Usa, Francia e Regno Unito avrebbero violato il diritto internazionale ed agito senza un mandato dell’Onu. Lo stesso Consiglio di sicurezza ha bocciato una bozza di risoluzione proposta dalla Russia che condannava l’aggressione contro la Siria. E’ giallo anche sul fatto che gli occidentali abbiano o meno avvertito il Cremlino dell’attacco e con quali canali e modalità. Putin ha comunque messo le proprie forze difensive in stato di combattimento.




E l’Italia?

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha confermato che l’Italia non ha partecipato all’attacco in Siria. Il premier avrebbe insistito affinché il supporto logistico che normalmente il nostro Paese fornisce agli Usa “in questo caso particolare non poteva in alcun modo tradursi nel fatto che dal territorio italiano partissero azioni direttamente mirate a colpire la Siria”.

Iran, chiese

Situazione delicata anche in Iran dove la guida suprema ayatollah Ali Khamenei, ha definito Donald Trump, Emmanuel Macron e Theresa May “criminali” dopo l’attacco. Hanno invece aperto un dialogo il capo della Chiesa ortodossa russa, il patriarca di Mosca Kirill, e Papa Francesco.

Un’indagine imparziale

La Cina, infine, ha chiesto finalmente un’indagine imparziale sul presunto attacco chimico di una settimana fa a Duma, in Siria, ovvero l’episodio che ha scatenato la reazione degli occidentali contro il regime di Bashar al Assad.

Buongiorno 15 aprile! Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram