Perché è stata revocata la scorta a Sandro Ruotolo?

Il Viminale non ha ancora chiarito il perché di questa decisione, considerato che Sandro Rutolo è ancora nella black list di molti clan

0
181

E’ stata revocata la scorta a Sandro Ruotolo, storico giornalista italiano da sempre in prima linea nella lotta alla camorra. La decisione gli è stata comunicata nella giornata di ieri lasciando di stucco i suoi colleghi e i tanti cittadini che lo hanno seguito nel corso delle sue inchieste. Il Viminale non ha ancora chiarito il perché di questa decisione, considerato che Rutolo è ancora nella black list di molti clan del napoletano e del casertano. A dare la notizia è l’ex ministro della Giustizia Andrea Orlando che ha promesso di riferire in Parlamento per chiedere le reali motivazioni della revoca. 

sandro ruotolo

Al fianco di Ruotolo si sono schierati il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris e il giornalista Roberto Saviano. Ma anche la Fnsi e la Commissione Parlamentare Antimafia. Nessuna replica per il Ministro degli Interni, Matteo Salvini impegnato nella campagna elettorale per le regionali in Abruzzo. 

Sandro Ruotolo su Facebook

Ruotolo, tuttavia, ha affidato a Facebook il suo pensiero dopo essere stato avvisato della fine della protezione: “Avevo deciso di non dire nulla per il rispetto che ho delle istituzioni. E non dirò nulla per le decisioni che riguardano la mia protezione. Ma una cosa voglio dirvi: vorrei ringraziarvi uno a uno per la marea d’affetto, di solidarietà, di stima che mi state dimostrando. E i messaggi che più mi colpiscono sono i vostri, quelli delle persone che incontro nel paese reale, che ho conosciuto nella mia lunga vita di cronista e della comunità con cui sto in contatto sui social media. Difenderò sempre la mia indipendenza che non vuol dire non aver un punto di vista, la mia autonomia, l’amore per il mio paese. In queste ore, in tanti rappresentanti della società civile si sono esposti pubblicamente per me e li ringrazio. La mafia è una montagna di merda”, ha concluso il giornalista.

Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram