Buongiorno 20 marzo – Buongiorno così così – Manovre – Trafficanti – Facebook – Sarkozy

Buongiorno 20 marzo 2018. Buongiorno così così: le notizie più importanti di oggi secondo Effequadro. Il caso Cambridge Analytica, l'arresto di Nicolas Sarkozy ed altro, in pillole

1
1193

buongiorno 20 marzo

Buongiorno 20 marzo – Buongiorno così così

Manovre – Trafficanti – Facebook – Sarkozy
Manovre

Saranno manovre di “natura difensiva” ma pur sempre militari quelle che dal 1 aprile intraprenderanno Corea del Sud e Usa. A riferirlo il Governo di Seul, mentre il Pentagono ha sottolineato che la Corea del Nord è stata informata delle esercitazioni militari congiunte.




Trafficanti

Nel New Hampshire il presidente Usa Donald Trump ha ufficialmente proposto per la prima volta di applicare la pena di morte contro i trafficanti di droga. Durante un comizio Trump ha parlato ancora del muro con il Messico, delle “città santuario” dove si nascondono gli immigrati illegali, delle società farmaceutiche e della crisi degli oppiacei.

Facebook

Il social network Facebook ed il suo fondatore Mark Zuckerberg sono finiti nella bufera. Diversi media Usa hanno riportato la notizia riguardante il fatto che l’autorità britannica per la protezione della privacy sta indagando sulla società Cambridge Analytica. L’azienda avrebbe raccolto dati da 50 milioni di utenti Facebook per influenzare il voto sulla Brexit e a favore della campagna di Donald Trump. Lo scandalo ha fatto crollare Facebook in Borsa.

Mariam

Il caso della morte di Mariam Moustafa potrebbe riguardare anche la malasanità. La ragazza dalle origini egiziane nata e vissuta a Roma è stata picchiata da una baby gang nel centro di Nottingham e poi dopo alcuni giorni di coma è deceduta. I familiari si sono scagliati contro i servizi ospedalieri inglesi che l’avevano dimessa dopo averne sottovalutato le condizioni.

Sarkozy

Nell’ambito di un’inchiesta sui finanziamenti illeciti per la campagna elettorale 2007 è stato arrestato l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy. L’ex capo di stato è attualmente in stato di fermo a Nanterre.

‘Ndrangheta

Questa mattina la polizia, su ordine della Dda di Reggio Calabria, ha arrestato Antonino Labate di 68 anni. Si tratta del boss del clan Labate del capoluogo calabrese. Il 27 febbraio scorso l’uomo cercò di uccidere dando fuoco alla loro abitazione 6 cittadini romeni tra cui 2 bambini.