Buongiorno 26 aprile – Buongiorno così così – Alfie – Coma – California – Vieste

Buongiorno 26 aprile. Buongiorno così così: le notizie per cominciare la giornata secondo Effequadro. Alfie, respinto ultimo ricorso, il Golden State Killer ed altro, in pillole

0
1290

Buongiorno 26 aprile 2018: buongiorno così così da Effequadro! Le principali notizie, in pillole, per cominciare la giornata. All’interno dei testi troverai i link per approfondire. Lascia un like ed un commento, condividi le notizie di oggi, giovedì 26 aprile, e segui QUI la nostra pagina per restare sempre aggiornato.

buongiorno 26 aprile

Buongiorno 26 aprile – Buongiorno così così

Alfie – Coma – California – Vieste

Alfie

I giudici hanno rigettato il ricorso presentato dai genitori di Alfie Evans. Non è stato così autorizzato il trasferimento del bambino da Liverpool ad un ospedale in Italia. Tom, il padre di Alfie, aveva puntato sulla inaspettata sopravvivenza del bambino affetto da una malattia neurodegenerativa, e sul fatto che l’Italia ha concesso la cittadinanza italiana e quindi il piccolo sarebbe libero di circolare nell’Unione Europea. Alfie Evans al momento respira autonomamente nonostante il distacco dei macchinari salvavita.

Coma

E’ stato aggredito all’esterno dello stadio prima della sfida Champion Liverpool-Roma Sean Cox, di 53 anni, tifoso originario dell’Irlanda. Per l’aggressione a Cox, che ora è in coma in gravi condizioni, sono stati arrestati dalla polizia due sostenitori della Roma di 25 e 26 anni. Uefa e Liverpool Fc si sono dette “scioccate e inorridite” per quanto accaduto. I due italiani sono accusati di tentato omicidio.

California

E’ stato catturato in California Joseph James DeAngelo di 72 anni, considerato da polizia ed Fbi il cosiddetto Golden State Killer. Si tratterebbe di un ex agente accusato di 12 omicidi, 45 stupri e 120 rapine tra gli anni ’70 e ’80. Le autorità hanno dato la ciaccia al killer della California per 40 anni.

Vieste

A Vieste, in Puglia, è stato ucciso il 25enne Antonio Fabbiano. Il giovane è morto colpito da numerosi colpi di armi da fuoco nei pressi della sua abitazione. Fabbiano sarebbe stato legato al clan Raduano. Secondo gli inquirenti si tratterebbe delll’ennesimo agguato maturato tra cosche criminali in lotta per il predominio sul narcotraffico.

Buongiorno 26 aprile! Seguici sui nostri canali social per restare sempre aggiornato!

FacebookTwitterInstagram