Politica 3 marzo 2018 – Obiettivo 4 marzo – L’Italia al voto, esito incerto

Politica 3 marzo 2018. Obiettivo 4 marzo: l'angolo politico secondo Effequadro. Occhio sulla campagna elettorale: retroscena e commenti

0
1140

politica 3 marzo 2017

Politica 3 marzo 2018 – Obiettivo 4 marzo

L’Italia al voto, esito incerto

Seggi insediati, domani si aprono le urne. L’Italia vota, ma l’esito appare questa volta quanto mai incerto. Sono tre i grandi blocchi che si contendono la vittoria, ammesso che qualcuno (visti gli effetti del Rosatellum) riuscirà davvero ad avere i numeri per governare. Se ciò non dovesse essere, la palla avvelenata finirebbe tra le mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, chiamato a gestire un difficile e quanto mai incerto post – voto.




Prova a raggiungere la soglia del 40% la coalizione di centrodestra a quattro punte, con Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e Noi con l’Italia. Ma nelle ultime ore di campagna elettorale anche il Movimento 5 Stelle (con il candidato premier Luigi Di Maio) ha parlato di “vittoria ad un passo”. Così come il leader del Pd Matteo Renzi, il quale punta ad essere il primo gruppo parlamentare per avere poi un ruolo nelle trattative per la composizione del governo. Per Liberi e Uguali di Pietro Grasso c’è invece l’asticella del 5%, considerato il dato minimo per non parlare di fallimento.

Le urne si aprono alle 7 di domani mattina, e chiuderanno alle 23. Subito dopo, comincerà la lunga maratona con exit poll, proiezioni e dati reali che verranno forniti ora dopo ora dal Viminale.